Baccelli Magici

La pasticcera Natasha Pickowicz svela la sua passione per la vaniglia e i trucchi per utilizzarla al meglio

vaniglia

Da pasticcera al Café Altro Paradiso e al Flora Bar a New York, Natasha Pickowicz sa benissimo che la vaniglia non è una cosa banale – i lunghi baccelli oleosi emanano un aroma dolce e inebriante, e un complesso sapore floreale e fruttato. La modalità di produ- zione è altrettanto complessa: la raccolta è dura e faticosa e l’intero processo spesso afflitto da condizioni di lavoro disumane e a bassa sostenibilità. Questi problemi hanno portato Pickowicz a scegliere Heilala, un piccolo consorzio di coltivatori sostenibili di Tonga, che produce alcuni tra i più buoni baccelli di vaniglia del mondo. 

«Mi piacciono molto l’aromaticità e il sentore di nocciola della loro vaniglia», dice Pickowicz, «ma anche il fatto che responsabilizzino le donne nel lavoro o che mandino i loro figli a scuola». Oltre ai baccelli interi, Heilala produce anche un estratto molto profumato, che spicca nei Sablé alla vaniglia e burro nocciolato di Pickowicz (ricetta accanto). Trovate la vaniglia di Heilala su heilalavanilla.com. 

 

COME ESTRARRE I SEMI DA UN BACCELLO DI VANIGLIA 

  1. Su un piano di lavoro pulito, con un coltello piccolo ed affilato, dividete il baccello a metà con un taglio per tutta la lunghezza. 
  2. Raschiate i semi per estrarli dalle due metà del baccello. 

I semi di un baccello di vaniglia equivalgono a circa un cucchiaio di estratto liquido. Usateli immediatamente. Conservate le due metà svuotate del baccello per aromatizzare zucchero, panna o latte.